Home >> Articoli e News >> Eliminare la muffa dalle pareti

COSÈ LA MUFFA?

La muffa è sostanzialmente un fungo che prolifera in ambienti chiusi e umidi, come cantine e bagni. È presente su muri e soffitti, con una crescita che non si ferma a uno strato superficiale, ma può intaccare la robustezza della parete, producendo inoltre un odore pungente e caratteristico.

QUALI SONO LE CAUSE PER CUI SI FORMA LA MUFFA SULLE PARETI?

Le cause possono essere diverse: insufficiente isolamento termico delle pareti, presenza di ponti termici che causano dispersioni termiche per trasmissione, errate abitudini di riscaldamento e di ventilazione della casa.

QUALI RIMEDI SI POSSONO USARE PER ELIMINARE LA MUFFA DAI MURI?

A seconda della gravità del problema riscontrato si possono utilizzare diverse soluzioni, da quelle "fai da te", spray e vernici (non risolutive) all’isolamento termico e la Ventilazione Meccanica Controllata (VMC).

COSÈ LA VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA?

La Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) è un sistema che provvede in automatico al ricambio fisiologico dell’aria in un ambiente chiuso (la nostra abitazione). Molto utile soprattutto in inverno in quanto permette il ricambio d’ senza dover aprire finestre ed elimina il problema delle muffe che si formano sulle pareti e soffiti.

Eliminare la muffa dalle pareti con la VMC

Eliminare la muffa dalle pareti con la Ventilazione Meccanica Controllata

Eliminare la muffa dalle pareti con la Ventilazione Meccanica Controllata

Eliminare la muffa rappresenta uno dei maggiori problemi che si riscontrano nella vita domestica di tutti i giorni. Muffe sulle pareti interne perimetrali incominciano a comparire soprattutto d’inverno quando la temperatura esterna si abbassa e nelle abitazioni viene acceso il riscaldamento. È molto importante essere consapevoli che la muffa non solo causa il degrado delle superfici murarie ma ha anche effetti negativi sulla salute. Lo scopo di una abitazione non è infatto solo quello di fornire una protezione dagli eventi atmosferici ma anche di garantire un comfort abitativo per tutti coloro che stazionano al suo interno. Per combattere la muffa non è sufficiente eliminarne le tracce esistenti (il problema si ripresenterebbe a distanza di poco tempo), ma occorre individuare ed eliminare le cause che hanno portato alla formazione di muffe. Le cause possono essere diverse: insufficiente isolamento termico delle pareti, presenza di ponti termici che causano dispersioni termiche per trasmissione (per ponte termico si intende la discontinuità di isolamento termico che si può verificare in corrispondenza degli innesti di elementi strutturali, quali solai e pareti verticali), errate abitudini di riscaldamento e di ventilazione della casa. Per eliminare la muffa in maniera definitiva il "fai da te" non è consigliabile, ma occorre affidarsi ad una ditta specializzata che, attraverso una diagnosi puntuale, vi fornisca una soluzione definitiva al problema della muffa.

Eliminare la muffa con il "fai da te"?

Scegliere prodotti per eliminare la muffa

Andando a ricerca su Internet si trovano diverse soluzioni "fai da te" per eliminare la muffa e centinaia di prodotti. Provate ad esempio a cliccare sul seguente link Eliminare la muffa e troverete decine di prodotti acquistabili. Ma la domanda che vi dovete fare è la seguente: sono veramente in grado di risolvere in maniera definita il mio problema? Molto spesso mi sono sentito dire un mio amico mi ha consigliato questo prodotto ma non ha funzionato. Si deve sempre partire dal presupposto che ogni problema ha bisogno di una soluzione specifica, da individuare e studiare dopo avere analizzato attentamente ogni piccolo particolare e conoscendo esattamente materiali, tecniche applicative e normative vigenti in materia. Non esistono in poche parole soluzioni di carattere universale che eliminano il problema della muffa in maniera definitiva, ma soluzioni studiate ad hoc. Una volta stabilita la diagnosi, l’intervento deve essere diretto, compiuto da personale qualificato e l’approvvigionamento del materiale necessario deve essere fatto rivolgendosi ad aziende altamente specializzate nel settore. Alla luce di tutte queste considerazioni l’azienda incaricata di eseguire l’intervento di sanificazione deve valutare e proporre una panoramica di interventi finalizzati non solo alla risoluzione del problema specifico ma anche alla diminuzione dei consumi energetici e all’ottenimento di maggior confort, sempre rendendo partecipi e consapevoli coloro che vivono concretamente l’immobile. Questo perchè le cause che portano alla formazione di muffa sulle pareti sono spesso correlate ad un cattivo isolamento termico e a problemi di ventilazione della casa. Se curo il sintomo non è detto che riesca a curare la malattia.

Migliorare l’isolamento termico

Isolamento termico cellulosa in fiocchi

Dare la priorità ai sistemi in grado di fornire maggiore vantaggio, con un minore onere economico. In un contesto di riqualificazione energetica dell’immobile si consiglia sempre di eseguire interventi che, con spesa minima, fanno ottenere un maggiore risparmio sui costi di riscaldamento e un maggiore benessere. Solo in seguito verranno eventualmente realizzati i lavori di riqualificazione energetica rimanenti. In materia di isolamento, è importante sottolineare che proteggere dal freddo significa migliore confort abitativo durante l’inverno (più caldo) e minori spese di riscaldamento. Per cominciare, si può mettere in atto un buon risparmio sul riscaldamento domestico riducendo al massimo le dispersioni di calore, l’elemento che maggiormente influenza i consumi. Un buon isolamento termico rappresenta il fattore determinante per avere un ambiente caldo durante la stagione fredda, e fresco nei mesi estivi. Ma non tutti gli isolanti sono uguali e non tutti isolano sia dal freddo che dal caldo. Allora perchè scegliere il "più comodo" e non il "più efficace" per quella specifica abitazione? Occorre quindi provvedere a dotare l’abitazione di adeguato livello di isolamento, a partire dal sottotetto e arrivando alle pareti perimetrali delle stanze.

Cellulosa in fiocchi per l’isolamento termico

La cellulosa in fiocchi è un isolante termico e acustico naturale particolarmente indicato per l’isolamento di pareti, solette, e tetti. È uno dei pochi prodotti efficace per isolare sia dal freddo che dal caldo. Per isolare un’intercapedine, ad esempio, si insuffla la cellulosa in fiocchi dopo avere fatto dei fori di circa 4 cm ogni 150 cm nella parete, dall’esterno oppure - aspetto importantissimo - dall’interno (in questo modo si può isolare anche il singolo appartamento in un condominio). Punto di forza sono i costi, particolarmente contenuti rispetto agli interventi tradizionali, e i tempi, limitati a pochi giorni di lavoro. Oggi isoli, da domani inizi a risparmiare.

Ventilazione Meccanica Controllata

La soluzione definitiva ai problemi di muffa si chiama Ventilazione Meccanica Controllata con recupero di calore (non canalizzata), un sistema di ventilazione a doppio flusso, che garantisce un ricambio costante dell’aria negli ambienti con un dispendio energetico contenuto, grazie al recupero di calore. Tra questi sistemi mi sento di consigliarvi Inventer. Tale sistema, geniale nella sua semplicità, è di facile installazione. Esteticamente gradevole e non invasivo, non richiede nessuna manutenzione (il filtro si estrae e si lava sotto acqua corrente), è silenzioso, per cui può essere usato in qualsiasi ambiente (anche in camera da letto), garantisce un recupero di calore fino al 91%, viene installato in un solo giorno e non richiede grosse opere murarie, solo un foro di diametro 23 cm, fatto con un carotatore ad alta precisione con aspiratore. Infine ha consumi energetici ridottissimi (2 watt/ora), cioè circa 3-4 € all’anno. Tale sistema di Ventilazione Meccanica Controllata, unito ad una corretta conduzione dell’immobile, elimina in maniera definitiva le muffe da condensa.

Vi interessa ridurre i consumi energetici nella vostra abitazione? Leggete il seguente articolo: Interventi per ridurre i consumi energetici.

Se ritenete utile il contenuto di questa pagina condividetelo su Facebook o Twitter.