Il certificatore energetico

Chi č il certificatore energetico?

Il certificatore energetico o soggetto certificatore può essere o un singolo esperto qualificato ed indipendente oppure un ente di certificazione, che a sua volta delega le attività di certificazione a professionisti abilitati. Il certificatore energetico deve possedere un diploma o una laurea tecnica di primo o di secondo livello (DM 26 ottobre 2007 art.1 comma 1), essere iscritto al rispettivo albo professionale, aver frequentato un corso abilitativo riconosciuto ed aver superato l'esame finale.

Ruolo e funzione del certificatore energetico: evoluzione della normativa nazionale

Il Certificatore Energetico raccoglie e verifica, mediante sopralluogo, i dati relativi all’edificio o all'unità immobiliare da certificare: involucro (superfici opache e trasparenti), impianti di riscaldamento e di produzione di acqua calda sanitaria, e eventuali fonti energetiche rinnovabili. Tutte le informazioni acquisite vengono elaborate seguendo le procedure regionali/nazionali utilizzando un software di calcolo. La regione Lombardia ha messo a disposizione gratuitamente il software CENED+, che implementa gli algoritmi contenuti nel DDG 5796/2009. I principali riferimenti normativi a cui fa riferimento questa procedura di calcolo sono le UNI-TS 11300-1-2-4. Il programma CENED+2 consente di determinare, ai fini della valutazione delle prestazioni energetiche degli edifici oggetto di certificazione, alcuni indicatori significativi, tra cui il fabbisogno energetico dell’involucro e dell’energia primaria per il riscaldamento o la climatizzazione invernale e la climatizzazione estiva e le emissioni di CO2. Il certificatore energetico deve anche inserire indicazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica (es. sostituzione caldaia tradizionale con caldaia a condensazione, utilizzo di serramenti performanti,..). Infine produce l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) della singola unità immobiliare o dell’edificio inviandolo al Catasto Energetico e rilasciando l’APE con firma digitale al committente.

Evoluzione della normativa Nazionale per il ruolo di certificatore energetico

Art. 10 Direttiva 2002/91/CE
Gli Stati membri si assicurano che la certificazione degli edifici e l'elaborazione delle raccomandazioni che la corredano nonchè l'ispezione delle caldaie e dei sistemi di condizionamento aria vengano effettuate in maniera indipendente da esperti qualificati e/o riconosciuti, qualora operino come imprenditori individuali o impiegati di enti pubblici o di organismi privati.

Art. 4 DLgs 192/2005
Entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, con con uno o più decreti del Presidente della Repubblica, sono definiti:
c) i requisiti professionali e i criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti o degli organismi a cui affidare la certificazione energetica degli edifici e l'ispezione degli impianti di climatizzazione. I requisiti minimi sono rivisti ogni cinque anni e aggiornati in funzione dei progressi della tecnica.

Art. 11 DLgs 192/2005 "Requisiti della prestazione energetica degli edifici"
1bis. Fino alla data di entrata in vigore delle Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici, di cui all'articolo 6, comma 9, l'attestato di certificazione energetica degli edifici è sostituito a tutti gli effetti dall'attestato di qualificazione energetica rilasciato ai sensi dell'articolo 8, comma 2, o da una equivalente procedura di certificazione energetica stabilita dal comune con proprio regolamento antecedente alla data dell'8 ottobre 2005.

DLgs 115/2008 ALLEGATO III. Soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici.
1) Sono abilitati ai fini dell'attività di certificazione energetica, e quindi riconosciuti come soggetti certificatori i tecnici abilitati, così come definiti al punto 2.
2) Si definisce tecnico abilitato un tecnico operante sia in veste di dipendente di enti ed organismi pubblici o di società di servizi pubbliche o private (comprese le società di ingegneria) che di professionista libero od associato, iscritto ai relativi ordini e collegi professionali, ed abilitato all'esercizio della professione relativa alla progettazione di edifici ed impianti, asserviti agli edifici stessi, nell'ambito delle competenze ad esso attribuite dalla legislazione vigente. Il tecnico abilitato opera quindi all'interno delle proprie competenze. Ove il tecnico non sia competente nei campi sopra citati (o nel caso che alcuni di essi esulino dal proprio ambito di competenza), egli deve operare in collaborazione con altro tecnico abilitato in modo che il gruppo costituito copra tutti gli ambiti professionali su cui è richiesta la competenza.

Soggetto Certificatore (Regione Lombardia): Art. 13 DGR 8/5773 e Art. 16 DGR 8/8745

La Regione Lombardia, attraverso il CESTEC, accredita come soggetti certificatori solo le persone fisiche, così come definito all' articolo 13 del DGR 8/5773.
13.1 Presso l’Organismo regionale di accreditamento (CESTEC S.p.a.) è istituito l’elenco dei Soggetti certificatori abilitati alla certificazione energetica degli edifici.
13.2 Possono essere accreditati come soggetti certificatori esclusivamente le persone fisiche che risultino in possesso di:

a) uno dei seguenti titoli di studio:
Diploma di laurea specialistica in Ingegneria o Architettura, nonchè abilitazione all'esercizio della professione ed iscrizione al relativo Ordine professionale;
Diploma di laurea in Ingegneria o Architettura, nonchè abilitazione all'esercizio della professione ed iscrizione al relativo Ordine professionale;
Diploma di laurea specialistica in Scienze Ambientali ed iscrizione alla relativa Associazione professionale;
Diploma di laurea specialistica in Chimica ed iscrizione al relativo Ordine professionale;
Diploma di Geometra o Perito Industriale, nonchè abilitazione all'esercizio della professione ed iscrizione al relativo Collegio professionale;
Diploma di laurea specialistica in Scienze e Tecnologie Agrarie e Scienze e Tecnologie Forestali e Ambientali, nonchè abilitazione all'esercizio della professione ed iscrizione al relativo Ordine professionale.

b) un'adeguata competenza comprovata da:
Esperienza almeno triennale, acquisita prima della data di pubblicazione sul B.U.R.L. della d.g.r. n. 8/5018 del 26.06.2007 ed attestata, entro il 31 gennaio 2009, da una dichiarazione del rispettivo Ordine, Collegio professionale o Associazione, in almeno due delle seguenti attività:
  - progettazione dell’isolamento termico degli edifici;
  - progettazione di impianti di climatizzazione invernale ed estiva;
  - gestione energetica di edifici ed impianti;
  - certificazioni e diagnosi energetiche;

oppure Frequenza di specifici corsi di formazione per certificatori energetici organizzati da soggetti accreditati dalla Regione Lombardia, con superamento dell'esame finale.

13.7 Il Soggetto certificatore non può svolgere attività di certificazione sugli edifici per i quali risulti proprietario o sia stato coinvolto, personalmente o comunque in qualità di dipendente, socio o collaboratore di un’azienda terza, in una delle seguenti attività:

Progettazione dell’edificio o di qualsiasi impianto tecnico in esso presente;
Costruzione dell’edificio o di qualsiasi impianto tecnico in esso presente;
Amministrazione dell’edificio;
Fornitura di energia per l’edificio;
Gestione e/o manutenzione di qualsiasi impianto presente nell’edificio;
Connesse alla funzione di responsabile servizio prevenzione e protezione (RSPP) ai sensi del Decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626;
Connesse alla funzione di coordinatore per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori ai sensi del Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
Connesse alla funzione di direzione lavori.

PAROLE CHIAVE
[Certificatore Energetico - redazione APE]

Se ritenete il contenuto di questa pagina utile cliccate sul pulsante "+1" e condividetelo come "Public".