Software CENED+: Energia Netta - Dati Zona Termica

Come compilare la sezione Energia Netta - Dati Zona Termica

Dopo aver compilato la parte relativa ai Dati generali e climatici, dovrete compilare il modulo Energia netta, inserendo i dati necessari al calcolo del fabbisogno energetico dell’involucro edilizio nelle stagioni invernale ed estiva. Tale modulo è composto da 5 sottomoduli: Zona termica, Involucro, Umidità, ACS e Illuminazione. Questi ultimi due moduli permettono di valutare il fabbisogno di energia per la produzione di acqua calda sanitaria e, per le destinazioni d’uso non residenziali, il fabbisogno di energia per l’illuminazione degli ambienti interni. Partiamo dall’inserimento dei dati relativi alla Zona Termica. In questa schermata vi verranno chiesti: i Dati subalterno, il Tipo di struttura e la superfice e volume degli Ambienti riscaldati. Partiamo dall’ipotesi che sia stata stata scelta la modalità di calcolo forfettaria.

Dati subalterno

In questo campo vi viene chiesto di indicare se C’è congruenza tra la destinazione d’uso catastale e lo stato di fatto e se l’edificio oggetto della certificazione è Pubblico o ad uso pubblico (informazione utile per valutare la obbligarietà della targa energetica). Occorre poi selezionare la Destinazione d’uso dell’unità immobiliare (secondo la classificazione indicata dal DPR 412/93 articolo 3). Se cliccate sul bottone Destinazione d'uso verrà visualizzata la corrispondenza tra categorie catastali degli edifici e classificazione generale degli stessi per categorie (Allegato 1, Tabella A.1 del d.d.g. n. 5796). Nel campo successivo deve essere inserita l’Altezza media netta dei locali, utile per la determinazione del rendimento del sistema di emissione. Per altezza netta media dei locali si intende l’altezza ottenuta mediando l’altezza dei locali, pesandoli per la superficie a cui si riferiscono. Per il calcolo dell’ altezza netta media si può usare la seguente formula (all’interno di una stessa zona termica):

hm = (∑hi*Ai)/∑Ai

dove hi è l’altezza netta del locale i-esimo. In presenza di controsoffitti, sia per il calcolo dell’altezza netta che del volume, occorre distinguere 2 casi:
  • Controsoffitto chiuso non ispezionabile: il calcolo dell’altezza netta viene fatto misurando la distanza tra l’estradosso del pavimento e l’intradosso del controsoffitto, mentre il calcolo del volume netto considerando fino all’intradosso del controsoffitto. Per il calcolo della trasmittanza termica ed il calcolo del volume lordo fate riferimento al manuale e alle norme UNI EN ISO 6946:2008.
  • Controsoffitto aperto ispezionabile: il calcolo dell’altezza netta viene fatto misurando la distanza tra l’estradosso del pavimento e l’intradosso del solaio, mentre il calcolo del volume netto considerando fino all’intradosso del solaio. La trasmittanza termica da considerare è in questo caso quella del solaio (non della componente controsoffitto+intercapedine+solaio) ed il volume lordo va calcolato dall’intradosso del pavimento all’estradosso del solaio.

Tipo di struttura

In questa sezione viene effettuato il calcolo automatico della Capacità termica areica, sulla base delle voci selzionate nei 4 menù a tendina (Intonaco, Isolamento, Parete esterna e Pavimento). Viene infine richiesto di inserire il valore dell’area totale interna.

Ambienti riscaldati

In questo campo occorre inserire:
  • Superficie utile (A): superficie netta calpestabile dei locali riscaldati al netto di tramezzi e muri esterni e comprensiva delle soglie delle porte e degli spazi al di sotto dei terminali di emissione (N.B: se è presente un vano scala riscaldato, nel computo della superficie netta si deve considerare la proiezione orizzontale di ogni rampa oggetto di certificazione).
  • Superficie lorda (AL): superficie lorda di pavimento dei locali riscaldati, ottenuta sommando alla superficie utile l’ingombro di tramezzi e muri di involucro. Le murature perimetrali vengono considerate per l’intero spessore se confinano con l’ambiente esterno, con il terreno o con un ambiente non riscaldato o fino alla mezzeria dello spessore se confinano con un altro ambiente riscaldato. Nel caso in cui si stia certificando un subalterno disposto su più livelli, la Superficie utile e la Superficie lorda si riferiscono alla somma di tali valori relativi ai livelli costituenti il subalterno.
  • Volume netto (V): calcolato come il prodotto tra la superficie utile riscaldata e l’altezza netta media dei locali, qualora non vi siano porzioni di locali con altezza netta inferiore a 1,5 m.
  • Volume lordo (VL): calcolato come sommatoria dei prodotti delle superfici lorde di piano per le relative altezze lorde.


Approfondimenti

A volte possono nascere dei dubbi su quello che bisogna selezionare od inserire nei riquadri. Per questo motivo in ogni pagina riporterò una sezione "Approfondimenti" per alcuni dei quesiti che spesso vedo sui forum.

Altezza netta di un locale: per altezza netta di un locale si intende il valore misurato dall’estradosso del pavimento all’intradosso del soffitto. Questo dato serve a determinare il rendimento del sistema di emissione.

Area totale interna: l’area totale interna da considerare nel calcolo è l’area netta interna dei soli componenti opachi esclusi i serramenti opachi, trasparenti ed i cassonetti. I componenti opachi da considerare sono quelli verticali,inclinati e orizzontali. I solai, invece, devono sempre essere considerati sia come elementi di soffitto per il piano inferiore sia come elementi di pavimento per il piano superiore. Indipendentemente dal fatto che siano solai piani o coperture inclinate, le superfici interne nette, che delimitano orizzontalmente la zona termica riscaldata, devono essere conteggiate nel valore dell’area totale interna.

Altezza netta interna inferiore a 1,5 mt: in presenza di locali mansardati o soppalcati l’altezza netta interna, misurata dall’estradosso del solaio inferiore, all’intradosso della partizione/chiusura superiore, può presentare valori inferiori a 1,5 m. In questo caso le parti di superficie netta a cui fanno riferimento queste altezze, non devono essere considerate nel calcolo della superficie netta totale dell’edificio, e di conseguenza nel calcolo dell’indice di prestazione energetica dell’edificio/zona termica. Un esempio è riportato alla pagina 26 del manuale (Cap 5 - Manuale CENED+).


PAROLE CHIAVE
[ACE - Certificazione energetica edifici - Classe energetica - costo ACE - preventivo ACE]

Feed Rss
RSSFACEBOOK TWITTER