Installazione impianto fotovoltaico

Posizionamento ottimale dell'impianto fotovoltaico

L’installazione di un impianto fotovoltaico prevede, in fase di progettazione, l’analisi di irraggiamento e insolazione del sito, al fine di posizionare i pannelli per ottenere la massima produzione di energia. L’irraggiamento dipende dalle condizioni climatiche locali (Milano ha una cappa di smog che filtra la radiazione solare incidente) e dalla latitudine, crescendo man mano che si scende verso l’Equatore. Per questo motivo, essendo l’Italia una regione lunga e stretta, l’ energia utile che si ottiene sulla base dell’irraggiamento medio annuale è massima al sud (5,4 kWh/mq in Sicilia). Questo significa che a parità di dimensioni del pannello fotovoltaico, si avrà una produzione di energia superiore al Sud. I moduli fotovoltaici possono essere installati sui tetti, facciate dell’edificio o a terra. In Italia la collocazione ottimale dei pannelli è quella sui tetti, con esposizione Sud (accettata anche Sud-Est, Sud-Ovest) e inclinazione di 30-35º rispetto al piano orizzontale. Buoni risultati si ottengono anche posizionando i pannelli sulle facciate dell’edificio (meglio se esposte a Sud), evitando le zone d’ombra.

Durante il sopralluogo il progettista/installatore verificherà tutti i requisiti necessari all’ottimale posizionamento dei moduli fotovoltaici, che potremo così sintetizzare:
  • valutazione dello spazio necessario all’installazione dei moduli (per ogni 1.000 Wp di potenza installata servono dai 7 ai 12 m2 a seconda del tipo di cella fotovoltaica utilizzata);
  • esposizione ed inclinazione della superficie su cui verranno installati i moduli;
  • assenza di ombreggiamento nelle zone in cui verranno posizionati i moduli;

Se ritenete il contenuto di questa pagina utile cliccate sul pulsante "+1" e condividetelo come "Public".