Il Conto Energia per il fotovoltaico

Incentivi per l’installazione di impianti fotovoltaici

Questo articolo sul Conto Energia è solo a titolo informativo, dal momento che dal 6 luglio 2013 sono cessati gli incentivi al fotovoltaico previsti nel Quinto Conto Energia. Il GSE, con un comunicato stampa, ha infatti comunicato l’avvenuto raggiungimento della soglia di 6,7 miliardi di euro di costo indicativo cumulato annuo degli incentivi fotovoltaici.

Al fine di promuovere l’utilizzo di fonti rinnovabili per la creazione di energia, innescando il processo domanda-offerta del fotovoltaico, il 19 Settembre 2005 venne emanato il primo Conto Energia (DM 28/07/2005) che definiva i criteri per l’incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica, in attuazione dell’art. 7 del DLgs 29 dicembre 2003, n.387, tenuto conto dell’art. 15, comma 1, lettera f), della Legge 18 aprile 2005, n.62. Il decreto è stato poi modificato e integrato con il DM del 6 febbraio 2006 e con la delibera 40/06 dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas che ha designato il GSE (Gestore del Sistema Elettrico) come soggetto attuatore ed erogatore degli incentivi.

Primo Conto Energia

Il primo Conto Energia ha dato la possibilità a privati, aziende, enti pubblici e condomini di usufruire di incentivi per la produzione di energia elettrica attraverso impianti fotovoltaici di potenza compresa tra 1 e 1000 kW, con tariffe di remunerazione per i kWh prodotti differenziate in base alla taglia dell’impianto, ad un prezzo comunque superiore a quello di mercato e per un periodo di 20 anni. Coloro i quali produrranno energia attraverso impianti fotovoltaici oltre a non pagare più le bollette elettriche, incasseranno per 20 anni, un contributo proporzionale alla quantità di energia prodotta. In particolare, erano state individuate 3 categorie di impianti, suddivise in base alla loro potenza:
  • Impianti fino a 20 kW: è possibile scegliere tra il servizio di scambio sul posto o la cessione in rete dell’energia prodotta. La modalità scambio sul posto prevede che il GSE valorizzi economicamente l’energia immessa in rete. Se tale valore, calcolato su base annua, è superiore a quello dell’energia elettrica prelevata, si procederà ad un conguaglio sui conteggi dell’anno successivo. La modalità cessione alla rete prevede invece anche la vendita al GSE dell’energia prodotta e non consumata, sulla base delle tariffe e normative vigenti.
  • Impianti tra i 20 e 50 kW: oltre al guadagno (per 20 anni) derivato dalla produzione dell’energia elettrica, si potranno aggiungere gli introiti derivanti dalla vendita del surplus di energia prodotta alla rete elettrica locale, con una tariffa incentivante aggiuntiva.
  • Impianti tra i 50 e 1000 kW: in questo caso l’incentivo ventennale derivato dalla energia prodotta dovrà essere proposto dal richiedente (esiste un tetto massimo fissato con il primo Conto Energia a 0,49 euro/kWh) e sottoposto ad un meccaniscmo di gara. Anche per questi impianti si potrà rivendere le eccedenze di energia prodotta alla rete locale.

Conto Energia 2007-2010

Con il DM del 19 febbraio 2007 si è passati al Nuovo Conto Energia, rimasto in vigore fino al 31/12/2010. La legge 129/2010 ha inoltre indicato che usufruiranno del Conto Energia 2007/2010 anche tutti gli impianti realizzati entro fine 2010 e che entreranno in servizio prima del 30 giugno 2011.

Terzo Conto Energia (2011-2013)

Il 24 agosto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 6 agosto 2010 (Incentivazione alla produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare), che regola le tariffe incentivanti da riconoscere alla produzione di energia elettrica ottenuta medianti impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio nel triennio 2011-2013. In base a quanto stabilito dal decreto, potranno usufruire degli incentivi previsti in base al terzo Conto Energia tutti gli impianti che entreranno in esercizio dopo il 31 dicembre 2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale o potenziamento e che appartengono alle seguenti categorie:
  • impianti solari fotovoltaici;
  • impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative;
  • impianti fotovoltaici a concentrazione;
  • impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica.
Per ogni categoria (tranne al momento per l’ultima), sono stati definiti anche i limiti du potenza incentivabile, che sono di 3.000 MW per gli impianti fotovoltaici, di 300 MW per gli impianti fotovoltaici integrati architettonicamente con caratteristiche innovative e di 200 MW per gli impianti fotovoltaici a concentrazione. L’energia elettrica prodotta dagli impianti è incentivata a partire dalla data di entrata in esercizio per un periodo di 20 anni e la tariffa è costante in moneta corrente per tutto il periodo di incentivazione.

Il 24 gennaio 2011 è stata pubblicata sul sito del GSE la Guida al terzo Conto Energia, dove potete trovare nel dettaglio tutte le informazioni che cercate, dalla tariffe incentivanti suddivise per categoria di impianto alla procedure burocratiche per poter accedere al Conto Energia.

Quarto Conto Energia

Nel Marzo 2011 è stata presa la decisione, da parte del Governo, di chiudere in anticipo il Terzo Conto Energia, che sarebbe invece dovuto durare fino al 2013. Lo scorso 5 maggio 2011 è stato dato il via libera al quarto Conto Energia, contenente le nuove tariffe incentivanti per la produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici. [Leggi articolo completo]

Quinto Conto Energia

Il 12 luglio 2012 è stata raggiunta la soglia dei 6 miliardi di euro a disposizione per il quarto Conto Energia. A partire dal 27 agosto 2012 (45 giorni dopo la delibera emanata dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas - Aeeg) verranno pertanto applicate le nuove modalità di incentivazione. Gli impianti che saranno attivati prima di tale data beneficeranno ancora degli incentivi previsti nel Quarto Conto Energia. Il 6 giugno 2013, il GSE ha comunicato il raggiungimento della soglia inserita nel Quinto Conto Energia, con la sospensione, come previsto dal DM 05/07/2012, degli incentivi per il fotovoltaico a partire dal 6 luglio 2013. [Leggi articolo completo]

Se ritenete il contenuto di questa pagina utile cliccate sul pulsante "+1" e condividetelo come "Public".